Qui di seguito sono presenti le risposte alle domande che più frequentemente ci vengono poste. Se la risposta che cerchi non è presente in questo elenco clicca qui per sottoporci il tuo quesito.

Dopo un’eventuale sentenza favorevole degli arbitri, l’investitore dovrà affrontare dei costi per il recupero concreto dei crediti vantati?
È possibile per l’investitore recedere dall’iniziativa?
L’investitore potrà aderire all’iniziativa ICSID in qualsiasi momento? Quali sono i tempi previsti per la raccolta dei moduli e della documentazione?
Quanto costa intraprendere una causa legale presso il tribunale ICSID?
Quali sono le probabilità di successo del ricorso arbitrale?
Perché la TFA ha ritenuto di dover procedere con il ricorso presso l’ICSID?
Che cosa è l’ICSID?
Quali sono i tempi tecnici stimati dai legali di TFA per il pronunciamento dell’ICSID?
L’investitore che ha aderito alla iniziativa ICSID può trasferire i propri titoli presso un altro istituto di credito?
Ci si può attendere un recupero non inferiore a quanto è stato garantito dalla operazione di scambio conclusa dalla Repubblica Argentina?
Se il titolo è stato acquistato dall’investitore dopo il default della Repubblica Argentina, è possibile partecipare alla iniziativa ICSID?
Gli investitori che hanno aderito alla OPS della Repubblica Argentina o che hanno venduto il titolo possono partecipare alla iniziativa ICSID?


 
Dopo un’eventuale sentenza favorevole degli arbitri, l’investitore dovrà affrontare dei costi per il recupero concreto dei crediti vantati?

No. I costi dell’intera procedura saranno sostenuti dalla TFA.

Inizio pagina

È possibile per l’investitore recedere dall’iniziativa?

L’investitore potrà rinunciare alle azioni legali intraprese per suo conto dalla TFA nei confronti dell’Argentina, ivi compreso il procedimento arbitrale di fronte all’ICSID. In seguito alla rinuncia a dette azioni legali, l’investitore potrà esercitare il diritto di revoca previsto dal mandato alla TFA e revocare la Procura (PoA) allo studio legale Whie & Case. Sia la rinuncia agli atti del giudizio sia la revoca della PoA dovranno avvenire per l’esclusivo tramite della TFA. Sarà esclusa comunque la possibilità di revoca parziale della Procura (PoA) a White & Case. Pertanto l’obbligazionista che vorrà revocare la predetta Procura dovrà necessariamente farlo con riferimento alla totalità dei titoli per i quali aveva a suo tempo deciso di partecipare all’iniziativa ICSID.

Inizio pagina

L’investitore potrà aderire all’iniziativa ICSID in qualsiasi momento? Quali sono i tempi previsti per la raccolta dei moduli e della documentazione?

Le banche provvederanno a comunicare agli investitori l’avvio dell’iniziativa. La raccolta dei moduli e della documentazione sarà poi effettuata dalle banche in un periodo di tempo compreso tra il 27 marzo ed il 27 aprile 2006. Una volta scaduto tale termine, l’investitore non potrà più aderire all’iniziativa ICSID.

Inizio pagina

Quanto costa intraprendere una causa legale presso il tribunale ICSID?

I costi del ricorso presso il tribunale arbitrale ICSID sono ingenti. Tuttavia, la TFA si è impegnata nei confronti degli obbligazionisti a sostenere interamente tutte le spese, i costi e gli oneri derivanti dal ricorso arbitrale.

Inizio pagina

Quali sono le probabilità di successo del ricorso arbitrale?

Il successo del ricorso all’ICSID, così come di altre iniziative legali percorribili dall’investitore, non può in nessun modo essere garantito né dalla TFA né dai suoi consulenti legali di Grimaldi e Associati né dai difensori americani di White & Case. Si ritiene tuttavia che lo svolgimento dell’arbitrato ICSID possa dare agli investitori italiani maggiori possibilità di ottenere il recupero parziale o totale delle somme ad essi dovute dall’Argentina, di quante ne potrebbe dare una sentenza di condanna emessa da una corte o di un tribunale ordinario.

Inizio pagina

Perché la TFA ha ritenuto di dover procedere con il ricorso presso l’ICSID?

Visto l’esito infruttuoso delle trattative svolte dalla TFA con le Autorità argentine al fine di negoziare - in forza del mandato a suo tempo conferito dagli obbligazionisti – un’equa ristrutturazione dei titoli emessi dalla Repubblica Argentina, la stessa TFA ha esaminato, con l’assistenza dei propri legali di fiducia, quali fossero le alternative a disposizione degli investitori italiani per far valere i propri diritti nei confronti dello Stato argentino. La TFA ha pertanto individuato nella procedura arbitrale dinanzi all’ICSID lo strumento più idoneo per tutelare gli obbligazionisti italiani nei confronti dell’Argentina.

Inizio pagina

Che cosa è l’ICSID?

ICSID è l’acronimo di International Centre for the Settlement of the Investment Disputes (Centro Internazionale per la Risoluzione delle Controversie in materia di Investimenti), una organizzazione autonoma ed indipendente, operante sotto l’egida della Banca Mondiale (World Bank). Tale tribunale svolge funzioni di conciliatore o di arbitro nelle dispute relative ad investimenti fra Stati e investitori privati esteri in applicazione di trattati bilaterali (BIT) esistenti tra i Paesi interessati. Il ricorso all’ICSID comporta la costituzione di un collegio arbitrale che è chiamato a decidere sulla controversia. Sulla base della “ICSID Convention”, i 154 Stati firmatari (fra i quali Italia e Argentina), sono tenuti a riconoscere ed osservare le sentenze adottate dall’ICSID.

Inizio pagina

Quali sono i tempi tecnici stimati dai legali di TFA per il pronunciamento dell’ICSID?

Lo svolgimento dell’arbitrato presso l’ICSID si compone di tre fasi procedurali: i) “Registration”; ii) “Jurisdictional” iii) “Merit”, i cui tempi, trattandosi di un’azione legale internazionale che vede coinvolti centinaia di migliaia di parti attrici, non sono facilmente prevedibili. L’arbitrato è solitamente adottato per la maggiore incisività rispetto ai tradizionali ricorsi giudiziali.

Inizio pagina

L’investitore che ha aderito alla iniziativa ICSID può trasferire i propri titoli presso un altro istituto di credito?

No. La complessità della procedura di gestione dei dati raccolti ai fini del ricorso arbitrale presso l’ICSID richiede che, limitatamente ai titoli per i quali è stato conferito Mandato di rappresentanza e per la durata delle azioni legali intraprese, le obbligazioni non siano trasferite presso altri istituti di credito. Per tali obbligazioni verrà infatti costituito un vincolo di indisponibilità che potrà cessare solo dietro preventiva revoca del Mandato alla TFA e conseguente rinuncia alle azioni legali in corso.

Inizio pagina

Ci si può attendere un recupero non inferiore a quanto è stato garantito dalla operazione di scambio conclusa dalla Repubblica Argentina?

L’obiettivo del giudizio arbitrale che si intende avviare mira a conseguire il pieno recupero del capitale investito e degli interessi maturati e non pagati dall’emittente.

Inizio pagina

Se il titolo è stato acquistato dall’investitore dopo il default della Repubblica Argentina, è possibile partecipare alla iniziativa ICSID?

No. Potranno essere rappresentati in giudizio solo gli investitori che hanno acquistato i titoli della Repubblica Argentina prima della data del default (23 dicembre 2001).

Inizio pagina

Gli investitori che hanno aderito alla OPS della Repubblica Argentina o che hanno venduto il titolo possono partecipare alla iniziativa ICSID?

No. Il presupposto dell’azione arbitrale promossa dalla TFA è la permanenza dell’obbligazione in default nel portafoglio dell’obbligazionista. Inoltre, avendo aderito all’OPS, l’obbligazionista si è impegnato nei confronti della Repubblica Argentina a non avviare azioni legali contro lo Stato argentino.

Inizio pagina

Torna all'Home PageArea RiservataMappa del SitoEnglish VersionLink

© 2003 TFA - Associazione per la Tutela degli Investitori in Titoli Argentini | Web Design by MTC Interactive